Grecia-il-record-di-proprietari-di-seconde-case

A sorpresa è in Grecia il record di proprietari di seconde case

Articolo scritto da: Cristina Giua il 28/07/2015

Un cittadino europeo su 6 è proprietario di un immobile che utilizza come seconda casa per le vacanze.

Fin qui niente di strano: la sorpresa è che – a dispetto di una crisi che sta rischiando di mandare il Paese fuori dall’Unione Europea – è proprio la Grecia ad aggiudicarsi la più alta percentuale di proprietari di seconde case.

Seguono sul podio la Polonia (25,1%) e la Turchia (24,8%).

L’Italia si piazza a metà classifica: la percentuale di connazionali che decide di acquistare una seconda casa è del 15,2% (di questi il 34,2% sceglie località turistiche, il 39,5% in città mentre solo l’11,8% opta per l’acquisto in una grande città).

Mentre in Grecia, quasi un terzo della popolazione (il 32,8%) possiede una residenza secondaria: principalmente utilizza questo immobile per trascorrervi il tempo libero, così suddiviso: 22,6% dei greci che possiede una seconda casa vi trascorre più periodi nel corso dell’anno, l’11,6% la utilizza solo nei week end, mentre il restante 7,6% acquista una seconda casa per motivi di lavoro.

Le indicazioni emergono da un’indagine condotta da Re/Max sul mercato delle seconde residenze in 16 Paesi Europei.

In fondo alla lista Germania e Olanda, dove l’investimento immobiliare in seconde casa non convince: anche qui dato abbastanza sorprendente, visto il benessere dei due Paesi, in cui però solo rispettivamente il 5,4% e il 5,6% degli abitanti sceglie di acquistare un immobile, oltre alla residenza principale.

L’investimento nel mattone diverso dalla prima casa viene effettuato principalmente da aquirenti uomini: il doppio rispetto alle donne, che scelgono di comprare un immobile solitamente nello stesso Paese dove risiedono.

Inoltre dalla ricerca emerge che le seconde case vengono utilizzate –  nel 33,7% dei casi – per lunghi periodi di vacanza, nel 23,9% durante i fine settimana e solo nell’8,7 % per motivi professionali.

Dagli ultimi dati raccolti e relativi al mese di giugno, risulta inoltre che il maggior numero di compravendite è avvenuto in Portogallo, Malta, Turchia e nella Repubblica Ceca: Paesi che si stanno dimostrando interessanti anche per quel 14,5% di italiani che scelgono di acquistare un immobile all’estero come investimento.